Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto è stato trovato.
Questo sito utilizza dei cookie. Continuando a navigare sul sito, accetti il loro utilizzo per una esperienza di navigazione migliore.
Ho capito

CASCHI MODULARI

Da Super-Bike trovi un’ampia gamma di caschi modulari, che si distinguono dagli altri per la mentoniera ribaltabile, grazie a cui si trasforma in casco jet all'occorrenza. La mentoniera apribile assicura una migliore ventilazione durante le giornate afose. Molto utilizzati per la guida in città e per le uscite moto turistiche a medio e lungo raggio, i caschi modulari sono comodi e versatili, infatti basta alzare la mentoniera per farsi capire senza bisogno di toglierli del tutto. Sul nostro catalogo trovi vasto assortimento di modelli delle migliori marche, dal design esclusivo e con molti colori disponibili. I tessuti utilizzati solitamente per il cinturino sono anallergici, la lente è antigraffio e il casco modulare può essere acquistato con accessori optional disponibili in diversi modelli, a seconda delle esigenze e della fascia prezzo. 

Caschi modulari

Un altro tipo di casco oltre a quello integrale è il casco modulare, a primo impatto se due motociclisti si fermavano fianco a fianco a un segnale di stop e uno indossava un casco modulare mentre l'altro un integrale, la differenza tra i due caschi potrebbe essere quasi indistinguibile. Infatti quando il casco modulare è chiuso, sembra, e per la maggior parte funziona, esattamente come un casco integrale. La differenza risiede in ciò che il casco può fare quando le moto sono parcheggiate. La caratteristica che distingue i modulari dagli altri caschi è la loro capacità di aprirsi alla barra del mento, ruotando verso l'alto, e lasciando così la faccia del motociclista a crogiolarsi nel dolce sole di una bella giornata. I caschi modulari sono una tipologia di casco intermedia tra i caschi integrali e quelli open face. Sono estremamente popolari tra coloro che compiono percorsi a lungo raggio e che trascorrono numerose ore in sella e vogliono quindi cogliere qualsiasi occasione per aprire la barra del mento a una fermata. È una grande opzione da avere, e nella maggior parte dei casi, costa poco se confrontata con l'alternativa integrale. Considerando il fatto che i caschi modulari possono incorporare tutte le grandi caratteristiche di un integrale, con un po' di funzionalità aggiunta, non è difficile capire perché sono così ricercati. Come accennato in precedenza, tuttavia, i caschi modulari hanno i loro difetti. Oltre agli argomenti già detti contro i caschi integrali, i modulari hanno tre ulteriori considerazioni da fare. Innanzitutto, il meccanismo che consente il funzionamento dell'innesto a leva tende a creare una debolezza strutturale nel casco stesso. Anche se non è enormemente ridotto nelle sue capacità, l'inclusione di un'interruzione nel solido involucro esterno può comportare una ridotta capacità di gestire un impatto diretto. In quanto tali, tendono a non rispettare i severi standard di sicurezza di alcune certificazioni. Detto questo, i modulari venduti soddisfano in molti casi i regolamenti europei. Quindi, sono ancora considerati molto protettivi. In secondo luogo, i caschi modulari hanno la reputazione di essere leggermente più pesanti e più rumorosi rispetto alle loro controparti integrali. Questo è dovuto al meccanismo. L'introduzione di più materiali, spesso in metallo, sul guscio esterno per consentire alla leva di agire ha anche l'effetto di aggiungere più peso e dimensioni complessive al casco. Allo stesso tempo, l'interruzione nel guscio solido di una faccia piena che è necessaria per l'apertura modulare crea la necessità di una tenuta al punto di rottura, e quindi fornisce all'aria esterna un punto di resistenza che può creare un po' di turbolenza in più. Un'eccezione a questo si può vedere nelle opzioni di fascia alta come la Schuberth C4 Pro, che è così ben progettata che è in effetti uno dei caschi più silenziosi del mondo. Un'ultima nota di estrema importanza è che i caschi modulari non sono progettati per essere indossati in posizione aperta durante la guida di una motocicletta. Sarebbe praticamente come guidare con una grande vela in cima alla testa, il che è totalmente negativo e al di fuori di tutte le certificazioni di sicurezza. La mentoniera quindi deve essere sollevata solo quando si è fermi. Come con Schuberth C4 Pro e relativi livelli di rumore, tuttavia, vi è un'eccezione a questa regola, che può essere trovata nello Shark Evo one 2, che consente di tirare indietro la barra del mento e bloccarla.

menu

SCONTO DEL 10%
inserire questo codice al momento dell'ordine:
KXYUNE17

Impostazioni

Condividi

Codice QR

Creare un account gratuito per salvare elementi preferiti.

Registrati

Creare un account gratuito per utilizzare wishlists.

Registrati